mercoledì 8 febbraio 2017

Lucia Buono

Lucia Buono ci ha lasciato. Un'altra grande artista che in quel 1985 partecipò con entusiasmo al recupero della "Chiena", per trasformarla in "Rassegna dell'Acqua", lasciando una sua opera pittorica (sul tema in oggetto, per il museo dell'acqua nascente), in donazione alla città di Campagna, in attesa (tra le tante altre realizzate in quel periodo da bravissimi artisti di levatiura nazionale e internazionale), di una sua degna esposizione al pubblico...Un'artista che aveva studiato Arti visive e discipline dello spettacolo presso l'Accademia di belle arti di Bari, non poteva restare indifferente sulle grandi potenzialità espressive e spettacolari della Chiena, in quel del 1985, anni di fermenti in tutta Italia...Ciao Lucia...Un grande abbraccio. Non sarai dimenticata...Sei già nella nostra storia...Una Storia universale. Grazie per il tuo contributo e per la tua grande professionalità e passione...rip..<3 span="">


Un testo di Pietro Marino su LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO del 5-2-2017









Foto Maurizio Vitiello - Lucia Buono

Da Positano News - CulturalNews di Maurizio Vitiello, 5 febbraio 2017:
Scompare Lucia Buono in piena attività creativa.
Solo oggi scriviamo; sapevamo da ieri pomeriggio, 04.02.2017, che se ne era andata in ospedale a Barletta, ma un filo ininterrotto di telefonate tra tutte le regioni d’Italia, una scia di emozioni ci ha fatto rimandare il ricordo della grande artista Lucia Buono.
E’ scomparsa per un male incurabile, dopo aver combattuto, sino alla fine, con un’incredibile e caparbia volontà di vivere.
Lucia Buono, artista perspicace e volitiva, dalla grande forza creativa, lascia un vuoto; i tanti amici e colleghi del mondo dell’arte vedono andar via un’operatrice validissima, che già dai primi anni Ottanta si era fatta notare in modo lusinghiero.

Nel suo profilo FB abbiamo ritrovato tre passi che aveva scelto, che fanno intendere la sua sensibilità, e che noi riprendiamo:
“Ogni essere è singolare. Ogni viso è un miracolo. E’ unico. Differente e simile. Umano ed insostituibile. Nel suo sguardo l’umanità si vede, ed egli vede il mondo attraverso gli altri sguardi dove il primo dei principi è quello del diritto alla dignità.”
Tahar Ben Jelloun

“Guardiamoci negli occhi. Siamo tutti diversi.”
Bruno Munari

“C’è una crepa in ogni cosa. Ed è da lì che entra la luce.”
Leonard Cohen

Lucia Buono viveva a Bari, dove era nata nel 1957; il suo studio era in via Trento 2, a Bari-Santo Spirito.
Dopo aver compiuto gli studi classici si era diplomata in Decorazione all’Accademia di Belle Arti di Bari; in seguito ha conseguito il Master in “Colore e comunicazione” presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Bari.
Ha insegnato, con grande profitto per gli allievi, all’Istituto Statale d’Arte “Pino Pascali” di Bari.

Riprendiamo, nel volerla ricordare, un nostro ultimo scritto-scheda, pubblicato nel volume “Percorsi d’Arte in Italia 2016”, Rubbettino Editore: “Lucia Buono è, nata a Bari. Sino ad oggi, ha avuto testi critici importanti dai maggiori critici italiani e, giovanissima, nel 1980, vinceva il IX Premio Lubiam, Sabbioneta. Allieva del grande sorgivo e creativo Mimmo Conenna, si distingue con personali di livello e rispondendo a rassegne nazionali e internazionali. Lucia Buono è abile nel suo determinarsi. Sta procedendo a intendere nuovi orizzonti che si allontanino, ma, gradatamente, da prove e tessere d’inclinazione mediterranea. L’artista ha sempre riconosciuto nel mare e nelle sue radici fonti ideali d’ispirazione. Si è tentati d’intendere i suoi lavori come offerte di conchiglie di mare in cui si raccolgono profumi e odori, brezze e venti, sabbia e calure. Segmenti e indizi scrivono un fondo pittorico ben articolato, quasi una filosofia visiva, tutta imperniata a intendere il fascino del Mediterraneo, una solarità d’impronta femminile, un abbraccio di eventi e un respiro di epoche. I lavori della bravissima artista pugliese si offrono per incontrare il mare, le sue onde, il suo fascino estremo e i suoi orizzonti, nonché il senso di libertà che offre l’acqua sotto al cielo. Lucia Buono, bravissima artista pugliese, continua, con serio impegno e saggia discrezione, a lavorare nella sua terra, ma, assolutamente, non disdegna di frequentare movimenti artistici innovativi e mostre di riferimento agganciate all’avant-garde. Lucia Buono con le sue redazioni pittoriche riesce, in una cifra eletta, a sintetizzare prove alte di definizioni, quasi tattilmente tessili, che rimarcano un amore per i sentieri del particolare e per una teoria di nuove soluzioni. 
Un “esprit” mediterraneo, insomma, scandito da una successione di istanti misurati, si coglie nelle sue composizioni, legate a orditi e trame, e tutto è rivisto nelle pieghe nobili e maestose dell’intimità; difatti, l’artista rilancia in nuove combinazioni, sottili e insistenti, porzioni di vita, armonizzate in un desiderio di modernità franca e consapevole. L’attuale pittura di Lucia Buono ci convince ancora di più, perché si presenta ben distribuita e meglio ancorata a essere interessante e accattivante, in losanghe, in forme curvilinee e, soprattutto, slanciate; comunque, il senso di una realtà trasparente, marina, riflettente centrifugati e sminuzzati arcobaleni, governa una sequenza aperta e multipla di corpi geometrici aggettanti, che riuniti apparterrebbero a un unico corpo centrale. Cromatismi mediterranei, che segnano minimali figurazioni, quasi gore con baccelli cosmici, più che d’estrazione marina, intervallati da tagli pellicolari di luci, intendono far vibrare memorie ecologiche e l’artista, dettaglio su dettaglio e sequenza su sequenza, abilita un arcipelago di isole fluttuanti, fantastiche e vitalissime, quasi sotto l’impulso di un’acqua “energizzante”. Si leggono ritmi, variazioni e dinamicità, il tutto oscilla tra pittura cosmica e pittura di naturalità, mentre cromie tenui c’indicano e valorizzano eleganti leggerezze del tratto e del segno. Pulsano queste focalizzate e controllate gore, svirgolate con raziocinio, e vengono, sapientemente, trasferite, con dosaggi variegati, nel rapido e quotidiano esercizio pittorico su carta o su tela. La profonda presa di coscienza di Lucia Buono è tutta indirizzata a corroborare le sue opere di tagli e segmenti, di perlustrazioni e di rifiniture, e, proprio col “fare” e colla disamina di ciò che si sedimenta, l’artista arriva al “focus” di spunti, calibrato da fonti profonde, per accendere soluzioni aggettanti. Chiarismi mediterranei e proliferazioni liriche, che si coniugano con segni grafici strategici e con nuove soluzioni ardite, declinate quasi allo stacco da un supporto neutro, palpitano su una rete di appoggi compositivi per aprire raccordi astratti. Lucia Buono ha intenzione di sopravanzare e lasciare i respiri mediterranei e raggiungere valenze “altre”, interpretazioni sghembe, parafrasi future. Sta passando da un mediterraneo liricamente espresso a insolite soluzioni astratto-intimiste. Stacca strati di juta, a mo‘ di pellicole sollevate, per farle fluttuare in combinazioni aeree.”
Che la terra ti sia lieve e il Cielo amico.
Maurizio Vitiello








Il primo contatto, in data 5/10/2011, da quel lontano 1985 (dopo 26 anni) su facebook, tra Lucia Buono (artista) e Angelo Riviello (artista e ideatore del Progetto Acqua - Chiena):

Lucia Buono
Ciao Angelo, ma noi ci siamo conosciuti a metà degli anni 80?...ma quanto tempo è passato? Possibile che in tutti questi anni non ci siamo più incontrati?...comunque sono contenta di averti ritrovato, almeno qui,.. poi chissà! Un abbraccio. Lucia

Angelo Riviello
Ciao Lucia, non ci siamo mai incontrati perché la mia vita è stata tutta un andirivieni tra il nord e il sud del paese...I primi tempi per scelta e in seguito, per necessità...Un gitano nei miei confronti è un "signore in pantofole". Di te ho rivisto un volto e un comportamento che mi affascinò in quegli anni... Fu come un flash...tu eri in compagnia di altri amici e amiche, come Antonella Pierno e (mi sembra) Giuseppe Pipoli...senza avere tempo di conoscerci e partecipasti alla 1a rassegna dell'acqua, nel recupero del fiume deviato (la "Chiena")...con una mia idea progettuale. Evento (scomparso negli anni 70) che poi restituimmo alla comunità "smemorata"...dove la classe politica dirigente non ha mai capito un tubo...Regalando così i miei anni migliori ad una realtà arretrata di almeno 30/40 anni, reduce da una Milano della transavanguardia (1978) che spazzò via tutto...costretto a tornare al sud...ed ho lavori di quegli anni (pensati e realizzati a Milano nel rapporto che avevo con Inga Pin) che ancora aspettano un dovuto riconoscimento, con un humus prima di quegli anni 90 "sfrenati", senza accorgermene... Sono quì che continuo a lavorare...e ogni tanto mi vedo, dividendomi, tra gli amici lucani e napoletani... Un caro abbraccio e...un bacio! Angelo



Ti allego due link del blog Utopia che parla di quella rassegna, per me, in quegli anni, una rivoluzione in controtendenza...sempre anticipando certi humus degli anni 90...sia individuale (a Milano) che collettivo, nel coinvolgimento del pubblico...Alla fine, ho avuto e abbiamo avuto conferma del provincialismo della nostra Italia, dove a ragionare e a decidere sono solo i poteri forti...


http://utopiacontemporaryart.blogspot.com/2010/07/i-luoghi-della-memoriala-chiena.html

Lucia Buono
Angelo, ricordo. Anche per me come in un flash. Credo di averti visto quel giorno in cui sistemammo le opere,...comunque fu una bella esperienza! Si fa ancora la chiena, vero? Mi ha fatto piacere avere tue notizie...grazie per i link, li avevo già visti navigando su internet. Allora, sei tu spazio utopia?! Stavo per scrivere nel suo profilo di avere l'impressione che dietro quel nome ci fosse qualcuno che forse avevo conosciuto... Ciao a presto! :)) Buonanotte

Angelo Riviello
Ciao Lucia, la Chiena si fa certo...dopo averla restituita alla comunità, solo che di quel progetto non hanno capito un tubo, oppure hanno capito, ma a modo loro, facendone una questione politica e una lotta di potere fine a se stessa. Alla fine non è nemmeno più la Chiena tradizionale come si era sempre fatta in passato, nel suo ultimo utilizzo di "nettezza urbana"...usandola solo in modo ludico:ogni anno sempre la stessa cosa, in mano al comune e alla pro loco...decretandone per me (al momento) la "morte"...Cerco di resistere con pochissimi amici, ho tentato riprendendo l'idea progettuale di rassegna dell'acqua (limitandomi soprattutto alla mail art e alla video arte), dal 2005 ad oggi...purtroppo in loco parlo con i cavernicoli, o con gente in malafede (i politici amministratori ed ex politicanti), dilettanti allo sbaraglio, con la smania di protagonismo e arroganza a tutti i costi, senza un pizzico di buon senso...Su questi aspetti sono in rapporto con gli amici lucani di Potenza e Matera...speriamo solo in un "miracolo"...

Lucia Buono
Angelo, certo ...fa tristezza sapere che certe situazioni dopo tanto restano in mano a politici e/o a ignoranti e opportunisti...Già, servirebbe un miracolo, ma... Ti saluterò paolo domani Ti abbraccio Lucia

Lucia Buono
ciao Angelo, come va'? 🙂

Angelo Riviello
ciao Lucia, io sto bene e tu? scusa se non ho risposto subito... spesso lascio il p.c. acceso, intento a fare altre cose...e non vedo i messaggi...🙂

Lucia Buono
...lo faccio anch'io! 🙂 a me benino, ..ho sempre troppe cose da fare e non sempre scelgo per il meglio! da qualche anno organizzo eventi di vario tipo per il liceo dove insegno (sono funzione strumentale per l'area mostre & co ) e questo mi toglie tempo al mio lavoro d'"artista" e crea in me una sorta di stato confusionale ... 🙂

Angelo Riviello
la scuola come è concepita (e dopo gli ultimi attacchi con i tagli indiscriminati) toglie tempo prezioso alla tua creatività e ti da solo frustrazione...A scuola ci vado molto a malincuore...spero di andarmene prestissimo, non sopporto più certi comportamenti...e l'orizzonte non è affatto roseo...Un'altra cosa se insegnassimo in un Accademia di Belle Arti...(forse) sarebbe molto diverso...😉

Lucia Buono
Caro Angelo, io, per dare un valore aggiunto e maggior senso al mio lavoro, mi occupo dell'organizzazione delle attività artistiche; mettendo a disposizione della scuola le mie competenze artistiche mi sento utile e così riesco a superare ogni inevitabile conflitto. Considera che io sono entrata nei ruoli come insegnante di sostegno 20 anni fa'...e lo sono ancora. A proposito dell'accademia, non credere che lì la situazione sia migliore, anzi, è nauseante! Il clientelismo, la falsità e l'ignoranza dilagano! Altro che frustrazioni! ...ne so qualcosa. Comunque,mi consola l'idea che tutto ciò che io ho fatto fino ad ora me lo sono guadagnato e conquistato onestamente con le mie sole forze... se può ancora avere valore! 🙂 Ti abbraccio. Lucia

Angelo Riviello
lo so che non è migliore, ma dicevo accademia, anche per ritrovarmi in un mio specifico e non in una materia che mi impone lo stato (discipline geometriche, architettura, ecc.) solo perché ho studiato scenografia...Materia che amo certo, ma non sopporto chi la esercita nella realtà di tutti i giorni e quindi mi trovo in una schizofrenia non cercata...e poi sai che in tutti i licei (in questo caso periferico...di Eboli) si fa didattica, cercando di insegnare delle tecniche agli allievi (sempre peggiori, ogni anno che passa, soprattutto nei comportamenti...come prodotto di un'Italia del vuoto drogata dai falsi sogni che offre la televisione) e indicare loro una strada possibile da percorrere...In tutto questo poi, ci sono colleghi esaltati (di storia dell'arte...peggio di Vittorio Sgarbi), mai visti nei luoghi deputati (cito Napoli, per esempio...come al Museo Madre, Museo PAN e Gallerie qualificate e anche Spazi autogestiti e cito anche Salerno con la Fondazione Menna) che si dicono esperti di arte contemporanea : una pessima compagnia, salvo alcune poche eccezioni...di colleghi anche artisti, ma che sono talmente presi dalla scuola e dai problemi familiari e soprattutto economici consequenziali ad una situazione tragica della scuola pubblica, che esercitano ben poco...o che abbiano smesso (forse) di "sognare"...

Un caro abbraccio ❤ 😉

Lucia Buono
Ti capisco, 🙂 ❤
Ti capisco! 🙂
Ti capisco 🙂 un caro abbraccio a te. ❤
Ma quanti invii ho fatto! ...ahahahah!!!!! 😉
Angelo Riviello
in tutti questi messaggi, ho dimenticato di chiederti notizie degli altri
amici tuoi artisti che donarono un'opera in occasione della prima rassegna della Chiena d'acqua nel 1985, per il nascente museo (attuale luogo della memoria): Ilaria Bona, Antonella Pierno, Lisa Pintucci e Giuseppe Pipoli...



Te lo chiedo, perché appena posso, adesso che le scuole si chiudono, è mia intenzione fare un documento (tipo lettera aperta, da inviare ai vari quotidiani), anche con le vostre firme da indirizzare all'attuale amministrazione comunale, affinché, dopo oltre 30 anni di distanza, si dia un dignitoso riconoscimento agli artisti che contribuirono alla valorizzazione dell'evento "acqua" e un'adeguata esposizione delle opere (sopravvissute), che si dovrebbero controllare, nello stato in cui versano...


N.B. provo vergogna io per loro, per come siete e siamo stati trattati tutti noi, chiedendovi io scusa...anche a nome di chi consapevole o inconsapevole ha arrecato danni ingenti alla persona e all'intera comunità...

Fammi sapere.
In attesa,
un caro abbraccio
❤ 🙂

a proposito ho ritrovato anche Francesco Bonazzi (che su facebook è con il nome di Agorà Review), Enrico Viggiano e Mariano Mastrolonardo di Napoli, Alfonso Filieri di Roma, Giovanni Canton di Salerno, Rino Mele (teorico dello spettacolo, teatro e cinema) di Salerno, Alan Frenkiel (scrittore d'arte e manager, sempre in giro tra Positano, Londra e New York)...Ti invierò le amicizie di quelli che sono anche su f.b.

Un bacione
alcuni anche delle edizioni successive, fino al 1994 (ultima della serie), come Alfonso Mangone, Peter Frefel, e Ivan Cozzi Argilla Teatri, Isabella Moroni...Dei genovesi, non ho ancora ritrovato nessuno...Dimenticavo Donato Vitiello (napoletano), che ora vive a Dolcedo in Liguria
dimenticavo un altro dei napoletani, dell'anno 1992, che adesso è molto conosciuto e vive tra Napoli e Berlino: Lorenzo Scotto Di Luzio
Lucia Buono
Ciao Angelo, grazie per questo messaggio! E' sempre bello sapere che si ha ancora voglia di ricordare quanto si è fatto e l'entusiasmo e l'impegno di chi crede in ciò che ha fatto e continua a fare. Non preoccuparti, non devi scusarti di niente,... purtroppo non tutto dipende dalla nostra volontà! Delle persone di cui mi chiedi, posso dirti che sono ancora in contatto con Antonella Pierno e Annalisa Pintucci. Sono entrambe su fb... Dell'attività artistica di Antonella non so molto, ma credo che continui a dipingere; so che insegna da molti anni a Brera e vive tra Alberobello e Milano, è sposata con Consmo Laera, Fotografo e organizzatore di eventi di fotografia, entrambi hanno fondato e guidano l'associazione di fotografia "Nicephore Niepce" ad Alberobello... Annalisa vive a Bari e continua a dipingere; ogni tanto la incontro a qualche inaugurazione... Di Ilaria e Pino non so molto,Pur non essendone certa, ho saputo che Ilaria vive a Milano e si occupa di grafica pubblicitaria o qualcosa di simile; Pino invece, credo che pur vivendo a Milano sia molto in giro perchè svolge un' attività artistica in qualche modo legata a manifestazioni varie tra scenografia e performance.




Lucia Buono

Quando vorrai potrei aiutarti a metterti in contatto con loro.
Grazie per le informazioni e l'interesse ... 🙂
Lucia Buono
Ciao un abbraccio
Angelo Riviello
Ho trovato anche Riccardo Bergamini di Roma...
Aspetto la sua amicizia on line
https://www.facebook.com/riccardo.bergamini.14
ti ho anche inviato Nicola Gaetano Cuccaro di Picerno (Potenza)
Buona notte! A presto
Lucia Buono
buona notte 🙂

Angelo Riviello
Ciao Lucia, ti passo anche l'amicizia del venezuelano Aitor Romao, più recente, 1994..."ultima" edizione storica della Rassegna con i contributi del Comune, ripresa poi nel 2005 da Spazio Utopia (senza contributi del comune), per rivendicare un diritto all'idea progettuale, nata tra il 1982 e il 1985...e per citare tutti gli artisti, fino al 1994 (appunto)...Alcuni video in VHS li ho fatti riversare in digitale...

Lucia Buono
grazie, Angelo! 🙂
Lucia Buono
Tanti auguri Angelo! Buon Natale e Felice 2015 ...con la (mia☺) buona stella! 😘











Angelo Riviello
Auguri sinceri a te Lucia! Per un sereno Natale e per un felicissimo nuovo anno! Un bacio 🙂
Lucia Buono
Grazie☺
Angelo Riviello
Ciao Lucia,
mi farebbe piacere averti con noi, con un tuo "mi piace" sulla pagina del sindaco di Campagna...per la storicizzazione della Chiena - Rassegna dell'Acqua....una persona "colta" (architetto) che conosce finanche i buchi e i tagli di Fontana, e non si decide (dal mese di settembre...e adesso siamo alla fine d maggio) a riconoscere gli artisti che nel 1985 diedero una svolta alla città di Campagna, nel salvaguardare e recuperare un evento scomparso negli anni 70, dove tra gli altri c'eri anche tu...Invita anche altri amici artisti, se puoi...come Paolo De Santoli...
Grazie! Un caro abbraccio!
Angelo
https://www.facebook.com/SindacoDiCampagna/posts/10205759169171277
Gli ultimi messaggi in data 25 maggio 2015
Lucia Buono
fatto, ora invito... A presto.
Angelo Riviello
Grazie Lucia

Stamane, in data 08/02/2017, alla notizia del suo viaggio...in piena riservatezza...
Ciao Lucia...Un caro abbraccio! Buon viaggio... ❤








Nessun commento:

Daily Calendar

Visualizzazioni totali

Lettori fissi

Archivio blog

Informazioni personali